SEI IN > VIVERE TERNI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Poliziotti feriti in carcere da un detenuto

3' di lettura
16

carcere|

Nuovo bollettino di guerra al Sabbione, la Casa circondariale di Terni. “Due poliziotti sono stati portati al Pronto soccorso, un altro è stato medicato nell’infermeria del carcere”. 

Lo denuncia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, per voce del segretario nazionale per l’Umbria Fabrizio Bonino, che ricostruisce le ultime ore di follia vissute al Sabbione: “Tutto è successo dopo le 17, quando un detenuto tunisino, di 36 anni, del Circuito media sicurezza e conosciuto nelle carceri umbre per la sua aggressività e abituato a "farla da padrone", ha deciso si scendere in una Sezione detentiva, non sua, con la scusa di portare il tabacco ad un altro recluso. Al giusto diniego dell’Agente di servizio, il detenuto immediatamente gli sferrava un calcio sulle parti intime. Fortunatamente, intervenivano un ispettore ed un sovrintendente i quali, per soccorrere il collega, sono stati a loro volta aggrediti dal detenuto. Risultato? L'ispettore colpito al volto ha riportato diverse escoriazioni, contuso anche il sovrintendente”.

Netta la denuncia di Bonino: “È ormai evidente che nella Casa Circondariale di Terni la sicurezza sia pari a zero, detenuti che si possono permettere qualunque cosa sapendo bene di restare impuniti. Così come per questo detenuto che, nonostante i suoi continui comportamenti fuori da ogni regola, per premio lavora anche all' esterno del muro di cinta. Come si fa a tollerare ancora tutto questo, come si può tacere su tali comportamenti e persino a premiare questi "soggetti" che di umano ormai hanno ben poco! Come si possono accettare le continue aggressioni al personale! Con quale coraggio si può ancora chiedere ad un padre di famiglia di entrare in un istituto come quello di Terni dove non sai nemmeno se ne uscirai sano?”.

Per Donato Capece, segretario generale del SAPPE, “chiunque, ma soprattutto chi ha ruoli di responsabilità politica ed istituzionale - penso in primis ai Sottosegretari alla Giustizia Delmastro e Ostellari, ognuno per quanto di competenza per delega ministeriale - dovrebbe andare in carcere a Terni a vedere come lavorano i poliziotti penitenziari, orgoglio non solo del SAPPE e di tutto il Corpo ma dell’intera Nazione”.

“E’ sotto gli occhi di tutti che la situazione penitenziaria è sempre più critica” – conclude Capece, che ribadisce: “Sono decenni che chiediamo l’espulsione dei detenuti stranieri, un terzo degli attuali presenti in Italia, per fare scontare loro, nelle loro carceri, le pene come anche prevedere la riapertura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari dove mettere i detenuti con problemi psichiatrici, sempre più numerosi, oggi presenti nel circuito detentivo ordinario. Ma servono anche più tecnologia e più investimenti: la situazione resta allarmante, anche se gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria garantiscono ordine e sicurezza pur a fronte di condizioni di lavoro particolarmente stressanti e gravose”.

“Basta! Siamo noi a non poterne più da questa situazione di diffusa illegalità: siamo a noi a doverci chiedere dove è lo Stato!”, conclude il leader del SAPPE.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram  e WhatsApp di Vivere Terni .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereterni o Clicca QUI. Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereTerni.


carcere|

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2024 alle 10:47 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 16 letture






qrcode