20 anni di attivazione di servizi adozioni nelle zone sociali umbre: Coletto annuncia firma di un protocollo per il benessere nelle scuole

2' di lettura 24/11/2022 - “Nelle scuole dell’Umbria il numero degli alunni adottati risulta piuttosto consistente, da richiedere il prosieguo di una serie di interventi avviati a sostegno del percorso scolastico che notoriamente rappresenta una prima tappa fondamentale nella crescita e nella costruzione dell’identità di ogni bambino”:

lo ha detto l’assessore alle Politiche Sociali della Regione Umbria, Luca Coletto, intervenendo all’iniziativa organizzata a Perugia sul tema delle adozioni.

“La Giunta regionale – ha annunciato Coletto - ha approvato il nuovo ‘Protocollo d’Intesa in materia in materia di benessere scolastico delle studentesse e degli studenti adottati’, che sarà sottoscritto a breve da tutti i soggetti proponenti e che avrà la durata di anni tre a decorrere dalla data della sottoscrizione”.

Oltre alla Regione Umbria, i soggetti firmatari sono i Comuni di Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello, USL Umbria 1, USL Umbria 2, Ufficio Scolastico Regionale, C.A.R.E. Coordinamento delle associazioni familiari adottive e affidatarie in rete.

“In molti casi, soprattutto per i bambini adottati internazionalmente – ha spiegato l’assessore - il tema del confronto con il mondo della scuola si pone in maniera urgente perché molti di loro vengono adottati in età scolare o comunque prossima ai 6 anni. Per la natura complessa che presentano questi alunni adottati, il successo educativo dipende dalla collaborazione sinergica di tutti gli attori e per questa ragione è decisa e va consolidata, sia culturalmente sia operativamente, la rete dei soggetti coinvolti”.

“In tal senso – ha concluso - la definizione di protocolli operativi costituisce un elemento fondamentale per la costruzione di un sistema integrato di servizi volti all’accompagnamento dei minori adottati e delle coppie di genitori adottivi nel loro percorso di inserimento/integrazione sociale e scolastica, al fine di favorire un equilibrato sviluppo della persona. C’è da considerare inoltre, - ha evidenziato - che l’evoluzione della normativa nazionale in materia di adozioni nazionali ed internazionali ha apportato, negli ultimi anni, modifiche ed integrazioni sostanziali alla disciplina ed alle procedure adottive delineate dalla Legge 4 maggio 1983, n. 184, introducendo nuovi adempimenti e modalità che rafforzano le esigenze di relazione ed integrazione tra i soggetti pubblici e privati chiamati a concorrere alla sua attuazione”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Terni .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereterni o Clicca QUI.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2022 alle 11:18 sul giornale del 25 novembre 2022 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, gubbio, perugia, foligno, orvieto, città di castello, umbria, assisi, terni, spoleto, regione umbria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEF4





logoEV
logoEV