Fatture false per ottenere fondi europei, Finanza sequestra beni e denaro per oltre 300.000 euro

guardia di finanza 2' di lettura 09/09/2021 - Nell’ambito delle più ampie attività di analisi e controllo condotte dalla Guardia di Finanza per garantire il corretto impiego delle risorse pubbliche, ancor più con riferimento all’attuale congiuntura economica connessa agli effetti dell’epidemia da Covid-19, è stata conclusa, sotto l’egida della Procura della Repubblica di Terni, un’articolata attività d’indagine di contrasto alle frodi perpetrate in danno del bilancio nazionale ed europeo.

In tale ambito, le Fiamme Gialle ternane hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro per equivalente, emesso dalla locale Autorità Giudiziaria, nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili del reato di truffa aggravata ai danni dello Stato.

Detta operazione ha consentito l’adozione di misure cautelari di natura patrimoniale su disponibilità finanziarie e beni aziendali per oltre 300.000 euro.

Più nel dettaglio, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria ha accertato l’indebita percezione di contributi comunitari e nazionali, erogati nell’ambito del Fondo di Ingegneria Finanziaria POR FESR Regione Umbria 2007-2013, da parte di un’impresa locale, esercente la fabbricazione di motocicli e di componenti tecnologiche nel settore automotive, che aveva presentato, a rendicontazione della spesa sostenuta per il programma incentivato, fatture per operazioni inesistenti e falsa documentazione contabile, atte a simulare l’acquisto di macchinari ed attrezzature nuove, così come statuito dal bando di finanziamento del progetto autorizzato.

L’attività in rassegna evidenzia, ancora una volta, il costante e concreto impegno delle Fiamme Gialle, sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, al contrasto delle eterogenee forme di illeciti economico-finanziari in danno al bilancio nazionale e dell’Unione Europea, a tutela dei cittadini e dell’economia legale; attività che, tra l’altro, dall’inizio del 2021, ha già portato all’adozione di analoghe misure cautelari reali per oltre un milione di euro, nei confronti di diversi soggetti economici responsabili di illecite condotte.

È attivo il servizio gratuito di notizie in tempo reale tramite i canali Telegram, così come sono disponibili anche le pagine Facebook:
li raggiungerete in un click tramite i link nella tabella sotto.

Regione Telegram Social
Umbria @vivereumbria Facebook
Città Telegram Social
Assisi @vivereassisi Facebook
Città di Castello @viverecittadicastello Facebook
Foligno @viverefoligno Facebook
Gubbio* @viveregubbio Facebook
Orvieto @vivereorvieto Facebook
Perugia @vivereperugia Facebook
Spoleto @viverespoleto Facebook
Terni @vivereterni Facebook

*Per Vivere Gubbio è attivo il servizio anche su WhatsApp (Info QUI): è sufficiente aggiungere il numero 376 0317898 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON" allo stesso numero.






Questo è un articolo pubblicato il 09-09-2021 alle 11:16 sul giornale del 10 settembre 2021 - 125 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cinp





logoEV
logoEV