Covid: "Assicurare vaccini a tutti i lavoratori della sanità, compreso chi si occupa di pulizie, e a prescindere dal tipo di contratto". Interrogazione Bianconi (Misto)

2' di lettura 22/02/2021 - “L’escalation di contagi in Umbria, che si conferma ancora tra le poche zone rosse d’Italia, rende urgente un intervento deciso da parte del Governo regionale soprattutto all’interno dei presidi sanitari, purtroppo rivelatisi luogo di maggiore diffusione del virus”.

Lo afferma il consigliere regionale Vincenzo Bianconi (Gruppo Misto) annunciando la presentazione di un'interrogazione che chiede alla Giunta di “intervenire sulla questione e a offrire la possibilità, in libera scelta e senza alcuna discriminazione, a tutto il personale addetto alla pulizia operante nei nosocomi di ricevere la somministrazione del vaccino Covid-19 al pari di tutti i lavoratori considerati in prima linea”.

Bianconi ricorda che “lo scorso giovedì, all’Assemblea legislativa, è stata finalmente approvata la nostra mozione sulle ‘proposte Salva Umbria’, in particolare la misura che riguarda la rimodulazione del piano vaccini introducendo un doppio criterio di valutazione per le categorie da vaccinare in via prioritaria: il criterio anagrafico e il criterio di esposizione al rischio professionale. Ritengo doveroso – aggiunge - inserire tra le categorie più a rischio il personale che si occupa della pulizia e sanificazione degli ospedali, dei presidi sanitari e altre strutture sanitarie e sociosanitarie, indipendentemente dalla formale categoria professionale di appartenenza e dal formale datore di lavoro. In queste settimane abbiamo raccolto diverse segnalazioni e richieste di aiuto da parte del personale addetto alla pulizia che, nonostante si trovi a prestare servizio in reparti Covid-19, non viene considerato tra le categorie in prima linea. Personale che, non solo è esposto ad un elevato rischio di contrarre il virus, ma che inconsapevolmente può mettere a repentaglio la salute di pazienti e delle persone vulnerabili in contesti assai difficili”.

Bianconi evidenzia infine che “all’inizio del 2021 numerose sigle sindacali avevano già evidenziato tale urgente necessità. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti chiedevano di equiparare lavoratori diretti e lavoratori in appalto al fine di non mettere a rischio gli standard di sicurezza e di protezione dal contagio di tutto il sistema di prevenzione”.


da Regione Umbria
Assemblea Legislativa





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2021 alle 13:19 sul giornale del 23 febbraio 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, regione umbria, assemblea legislativa, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPhy





logoEV