Catia Ciofo, chef umbra: "2021 anno per menti geniali e di grandi opportunità"

1' di lettura 10/01/2021 - "La cucina ai tempi del coronavirus è comunque arte, bellezza e speranza di proporre in qualsiasi contesto un gusto nuovo. Come immagino il 2021? Sarà difficile, ma anche un anno per menti geniali e quindi di grandi opportunità".

A parlare é Catia Ciofo, chef umbra freelance che ormai da tempo ha conquistato la ribalta nazionale della cucina gourmet, grazie anche alla sua presenza sui social. Le sue origini sono contadine, la sua famiglia vive sul monte Peglia, e un percorso di studi in economia aziendale. Dopo aver trascorso una parte della sua vita a fare conti in un ufficio, ha preso una decisione: dedicarsi alla passione di sempre. "Ma saper fare di calcolo è fondamentale anche in cucina, soprattutto oggi che bisogna stare ancora più attenti a non sprecare cibo", mette in chiaro. Restando in tema di conti, la chef ricorda che "la ristorazione è uno dei settori più penalizzati dalla pandemia "senza una giusta causa".

"I luoghi della ristorazione, sottolinea, sono tra i più controllati e attenti al benessere del cliente". Catia non ha un suo locale, ma, spiega, che "la crisi ha colpito duro anche me, ma non mi ha impedito di continuare la professione in modo diverso, intraprendendo un percorso nuovo proprio sui social". "Mi sono detta, continua, se non possiamo cucinare per i clienti, dobbiamo continuare a farlo magari virtualmente, raccontando piatti ed esperienze". "I social, conclude, sono un mezzo fantastico per raccontare e promuovere la cucina e mi hanno sempre accompagnato fin dal primo minuto, aprendomi anche le porte delle cucine dei più grandi chef stellati italiani. E dai social sono ripartita".






Questo è un articolo pubblicato il 10-01-2021 alle 18:58 sul giornale del 12 gennaio 2021 - 215 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bII5